Meditazione e mindfullness

Praticare la mindfulness significa fare lo sforzo di osservare la propria mente e il proprio corpo per capire la loro vera natura, ben presto si giunge alla consapevolezza che l’esistenza è  impermanente, insoddisfacente e che l’io è inconsistente. Come risultato di questa rivelazione, cominciamo a lasciar andare ciò a cui siamo più attaccati.

Quando si sente meno il peso dell’attaccamento, si può cominciare a sentirsi liberi — leggeri e a proprio agio in ogni situazione. Ciò libera dalla sofferenza e porta una felicità che e’ indipendente da condizioni esterne.

Quando si medita si mantiene sempre l’ attenzione sul momento presente. Questa e’ la pratica della consapevolezza — sapere ciò che accade adesso, in questo secondo, nel corpo e nella mente.

Non si pensa al passato o al futuro e quando ciò inevitabilmente accade o si sente un rumore, per esempio, si riporta  la consapevolezza sul sentire, nel presente.

Quando viene un pensiero, si sappia solamente che si sta pensando così si è liberi di lasciar andare il pensiero stesso. E  qualunque cosa accada durante la meditazione, sia buona siche cattiva, si percepisce solo per un momento. Percepire e lasciare andare, questa è in linea di massima la direzione del lavoro.

La meditazione non e’ una religione, ma una tecnica che può essere praticata da chiunque, maschio o femmina, giovane o anziano, sano o malato, Orientale od Occidentale. Può essere praticata in qualsiasi posizione, e anche essere svolta mentre ci si muove.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s